ESCAPE='HTML'

 

HEROIC IMAGINATION PROJECT (H.I.P.) è un’organizzazione no-profit nata negli Stati Uniti da un’idea dello psicologo Philip Zimbardo, professore emerito alla Stanford University e già presidente dell’Associazione Americana degli Psicologi.

H.I.P. sviluppa da anni programmi per la scuola volti ad avviare un cambiamento positivo non solo nel percorso di vita degli studenti, ma anche all’interno delle loro comunità. È importante sottolineare che i programmi offerti da HIP alle scuole hanno una solida base scientifica, essendo la risultante di numerose ricerche condotte in varie parti del mondo da psicologi di fama internazionale.

Con H.I.P. queste conoscenze sono oggi accessibili a tutti, anche in Italia. Grazie infatti alla collaborazione scientifica tra il prof. Philip Zimbardo e il dr. Piero Bocchiaro dell’università di Palermo, H.I.P. nel novembre del 2014 approda nelle nostre scuole. Insieme al dr. Bocchiaro, referente italiano del progetto è il dr. Salvatore Cianciabella.

UNA NUOVA DEFINIZIONE DELL'EROISMO

La cultura del 21° secolo, in particolar modo per quanto riguarda i giovani, è un riflesso della pervasività dei mezzi di comunicazione. La generazione di oggi, forse più di ogni altra che ci ha preceduto, è cresciuta senza una visione chiara di ciò che costituisce l’eroismo. Gli eroi sono descritti come quelli che risaltano maggiormente all’attenzione del pubblico - personaggi dello sport, artisti pop, stelle del cinema - con il risultato che vi è una maggiore pressione a conformarsi a uno standard di comportamento che valorizzi il superficiale rispetto alla sostanza. Raramente sentiamo parlare di uomini e donne che, per via delle circostanze o del destino, hanno fatto qualcosa di straordinario per una giusta causa o che si sono sacrificati per altri esseri umani.

I programmi H.I.P. cercano di combattere questa tendenza. Sono progettati per infondere nella generazione attuale - e in quelle successive - il concetto di eroismo non come qualcosa di riservato a quei rari individui che fanno o realizzano qualcosa di straordinario, ma come un modo di pensare o un comportamento possibile per chi è capace di compiere un atto straordinario. Noi cerchiamo di ridefinire l'eroismo e renderlo più rilevante per un mondo del 21° secolo, in cui l'eroismo non è più appannaggio esclusivo dell’uomo fisicamente coraggioso, ma è anche rappresentato da un soggetto dall'etica forte che ha il coraggio di agire. Ridefinendo l’eroismo per la società contemporanea, possiamo diffondere il concetto di eroismo quotidiano e fornire uno stimolo alle persone per trasformare la loro comprensione in azione positiva.

Il Progetto sull’HEROIC IMAGINATION definisce l’eroismo come un’azione compiuta per altri o in difesa di una causa morale.

Il nostro modello di eroismo è costituito da quattro elementi, esso, in particolar modo:
• richiede un impegno volontario;
• fornisce aiuto ad una o più persone in stato di bisogno, o alla comunità nel suo complesso;
• rappresenta un potenziale rischio/costo per il benessere fisico, lo status sociale, o la qualità della propria vita;
• ha inizio senza un'aspettativa di guadagno materiale o di un tornaconto personale.

L'eroismo è il tentativo attivo di affrontare l'ingiustizia o di creare un cambiamento positivo nel mondo nonostante le pressioni a non agire. Può consistere nel far fronte in modo efficace a situazioni poco chiare o di emergenza, aiutare gli altri nel bisogno, o può comprendere la definizione e il raggiungimento di obiettivi per promuovere il benessere degli altri o contrastare la disuguaglianza. Crediamo che l’eroismo non sia un concetto astratto, ma uno stile di vita creato attraverso un continuo processo decisionale. Le abitudini ad agire in modo saggio ed efficace in termini di eroismo si possono imparare, incoraggiare, modellare, e sono raggiungibili da chiunque, in qualsiasi momento della vita.

Eroi a cui ispirarsi come il Mahatma Gandhi, Nelson Mandela, Martin Luther King, Jr., Vaclav Havel, Daniel Ellsberg, e Irena Sendler rappresentano la potenza dell’immaginario eroico. Personaggi a cui aggiungere, tra i tanti, gli italiani Falcone e Borsellino, Peppino Impastato e quanti hanno combattuto per una società migliore, mettendo a repentaglio la loro stessa vita. Bisogna precisare che per “immaginario eroico” si intende la capacità naturale che ognuno di noi possiede nel sognare un domani migliore. In H.I.P., forniamo agli individui le competenze di cui avranno bisogno per cominciare a tradurre queste ambizioni in realtà. Noi crediamo che ognuno di noi possegga la capacità di crescere e di creare un cambiamento significativo e durevole, una mentalità che incoraggia la nostra volontà di agire per gli altri o per la difesa della giustizia e dell'uguaglianza.

L'immaginazione eroica è l'antitesi alla 'immaginazione ostile' che alimenta la psicologia dell’inimicizia. Nel documento-raccolta “VOLTI DEL NEMICO: RIFLESSIONI SULLA FANTASIA OSTILE”, il filosofo sociale Sam Keen descrive brillantemente come questa immaginazione ostile sia stata creata dalla propaganda di ogni nazione durante un percorso di guerra, utilizzando il potere della propaganda di trasformare la psiche umana attraverso le “immagini del nemico”.

 ESCAPE='HTML'

Nostro compito è stimolare nello studente l’immaginazione eroica, la consapevolezza cioè di avere in sé il potere di rendersi protagonista di azioni nobili ─ ignorarlo, infatti, rappresenta il principale ostacolo alla messa in atto di simili azioni. Questo tipo di immaginazione, che nasce dall’acquisita conoscenza delle forze psicosociali che operano in determinate situazioni nonché delle strategie atte a gestirle, fa da piattaforma allo sviluppo graduale di una nuova identità che sempre più orienta la persona a cimentarsi in comportamenti eroici.
A emergere è col tempo un nuovo stile di vita, i cui effetti benefici non si esauriscono a livello personale: come gli ampi cerchi d’acqua generati da un sasso lanciato nello stagno, l’azione del singolo giunge a influenzare il più ampio sistema di cui questi fa parte, stimolandone inevitabilmente la crescita.

IL NOSTRO CORSO

I nostri pensieri, sentimenti e comportamenti sono profondamente influenzati da stimoli sociali e della situazione intorno a noi. La ricerca in Psicologia Sociale ci aiuta a capire e ad avere una maggiore consapevolezza sul modo in cui certe forze psicologiche influenzano la nostra vita e ci aiuta a comprendere i fattori che agiscono nelle persone che scelgono di agire eroicamente.

Il comportamento umano è influenzato da numerosi fattori sociali, tra cui la pressione dei pari e le dinamiche di gruppo, le norme sociali, le aspettative di ruolo, e la presenza di figure di autorità. La ricerca ha dimostrato che le forze situazionali influenzano il nostro modo di agire o di non agire, così come la natura della nostra risposta. Alcuni dei fenomeni sociali più importanti psicologici che influenzano i comportamenti eroici correlati riguardano l’obbedienza all’autorità, il conformismo, l’inerzia sociale, i pregiudizi e gli stereotipi, le aspettative positive verso gli altri.

Abbiamo, così, creato un programma di base di sei moduli che chiamiamo "Comprendere la Natura Umana". Ogni modulo contribuisce alla formazione degli eroi di ogni giorno in modo profondo e unico. Ci differenziamo dagli altri approcci al cambiamento sociale principalmente per due motivi: in primo luogo, ci concentriamo sulla dinamica delle situazioni sociali quotidiane, piuttosto che sulla personalità e sui tratti del carattere degli individui, per quanto importanti siano; in secondo luogo, non stigmatizziamo i pregiudizi e le reazioni automatiche a situazioni difficili. Piuttosto, prestiamo attenzione alle nostre tendenze a "guardare e aspettare", a "continuare per andare d'accordo" e a dare giudizi affrettati ad altri secondo ciò che si considera "normale" e "umano". In questo modo, si ridimensionano le modalità difensive della gente secondo cui il loro modo di agire è "normale", consentendo loro maggiore elasticità nel considerare gli altri.

Tutti i nostri programmi prevedono ricchi contenuti sviluppati in ambito accademico che prevedono la visione di video e attività pratiche che i giovani trovano sorprendentemente divertenti e che i nostri clienti, le scuole, i college, i giovani (dai 13 anni in su), le organizzazioni possono personalizzare insieme a noi per soddisfare le loro esigenze specifiche.

Seppure ciascuno possieda una finalità specifica, i programmi H.I.P., sei in tutto, si caratterizzano per un denominatore comune: promuovere tra i giovani un nuovo concetto di eroismo. Lontano dall’essere appannaggio esclusivo di figure straordinarie o limitato a gesti che richiedono prestanza fisica, l’eroismo viene da noi inteso come un’azione che contrasta l’ingiustizia in qualsiasi sua declinazione.
È dunque eroico intervenire a sostegno di una persona in difficoltà quando nessuno lo sta facendo o esporsi denunciando un disservizio. I nostri programmi sono progettati per favorire lo sviluppo di queste e altre capacità, muovendo dall’assunto che chiunque è un eroe in attesa dell’occasione giusta per dimostrarlo.

IL PROGRAMMA H.I.P. prevede i seguenti moduli:

EFFETTO SPETTATORE. Aiuta le persone a superare le forze sociali che gli possono impedire di intervenire in situazioni poco chiare o di emergenza, e ad acquisire la capacità di rispondere con saggezza e in modo efficace.

ASSETTO MENTALE. Aiuta la gente a modificare la propria mentalità, la credenza fissa secondo cui non è possibile cambiare le proprie abilità o le caratteristiche personali come l'intelligenza, favorendo una crescita verso la convinzione che si possano migliorare gli aspetti di sé con il tempo e l’impegno.

CONFORMISMO SOCIALE. Aiuta le persone ad acquisire una maggiore consapevolezza delle loro tendenze automatiche a conformarsi alle situazioni sociali, per sostituire quelle tendenze con comportamenti sani.

STILI ATTRIBUZIONALI. Aiuta le persone a ridurre o ad eliminare gli effetti minacciosi dello stereotipo e delle attribuzioni malsane che possono influenzare l’apprendimento e le prestazioni.

CONSAPEVOLEZZA SITUAZIONALE. Aiuta la gente a prendere consapevolezza di come le situazioni di gruppo influenzano il processo decisionale, e permette di sviluppare le loro strategie per affrontare situazioni sociali in modo consapevole.

PREGIUDIZIO E PERCEZIONE DI GRUPPO. Aiuta la gente ad acquisire consapevolezza sulla loro tendenza a fare ipotesi su altre persone e altri gruppi, e viceversa ad ottenere resilienza quando sperimentano il pregiudizio e la discriminazione da parte degli altri.

I programmi, ciascuno della durata di cinque ore (da suddividere in più giorni), possono essere implementati in blocco oppure singolarmente, a seconda delle esigenze della scuola. Per maggiori dettagli sui loro contenuti rinviamo al sito www.hipitalia.it.

Gli psicologi che lavorano con H.I.P. sono appositamente formati per rendere stimolanti i temi affrontati con i ragazzi. In un clima interattivo, e in un linguaggio piano e comprensibile ai non esperti, i formatori si avvalgono di video ed esercitazioni pratiche, discutono esempi tratti dalla vita quotidiana e dal mondo della ricerca, effettuano simulazioni di situazioni socialmente impegnative.

Fedele al metodo scientifico, H.I.P. valuta in maniera oggettiva l’efficacia dei suoi programmi per mezzo di scale di misura somministrate agli studenti prima e dopo l’intervento. Le differenze registrate, rilevate da appositi test statistici, offrono una misura valida e attendibile dell’impatto del nostro lavoro sulle percezioni e sugli atteggiamenti dei ragazzi.

Vi invitiamo a visitare le pagine dei nostri siti di seguito elencati e visionare il nostro materiale per potere sfruttare le numerose risorse disponibili:
http://www.hipitalia.it (sito italiano con risorse anche in inglese)
http://heroicimagination.org (sito americano).

Per informazioni: heroicimaginationitalia@gmail.com

 ESCAPE='HTML'