Cos'è la Psicologia Sociale?

La psicologia sociale è quel ramo della psicologia che studia l’interazione tra le persone: manifestazioni, cause, conseguenze e processi psicologici coinvolti. Una definizione ampiamente diffusa e più tecnica è fornita da Gordon Allport: “La psicologia sociale è l’indagine scientifica di come pensieri, sentimenti e comportamenti degli individui siano influenzati dalla presenza oggettiva, immaginata o implicita degli altri”

Che cosa studiano gli psicologi sociali?

La gamma dei temi è enorme: conformismo, potere, pregiudizio, discriminazione, stereotipo, negoziazione, sessismo e razzismo, i gruppi, le categorie sociali, le relazioni intergruppi e altro ancora.

Nascita e sviluppo della Psicologia Sociale

Come disciplina la psicologia sociale nasce negli Stati Uniti all'inizio del XX° secolo. 

Dopo la II° Guerra Mondiale, i ricercatori furono interessati in una varietà di problematiche sociali, incluse le problematiche di genere e di pregiudizio razziale, e solo negli anni ottanta, tale disciplina raggiunse la propria maturità di teoria e di metodo.

Un primo contributo importante alla definizione di tale disciplina fu merito di Allport che, nel 1968, descrisse la Psicologia sociale come "lo studio scientifico delle modalità attraverso cui i pensieri, i sentimenti e i comportamenti degli individui sono influenzati dalla presenza reale o immaginaria, di altre persone".

Sempre Allport nel 1985, definirà la psicologia sociale come "lo studio scientifico di come i pensieri delle persone, i sentimenti e i comportamenti, sono influenzati dall'attualità, l'immaginazione, o la presenza implicita di altri".

Il centro della psicologia sociale è rappresentato quindi dall'influenza sociale. Ciò significa che i nostri pensieri, i nostri sentimenti ed il nostro comportamento sono influenzati dagli altri, anche quando siamo soli: ciò accade, ad esempio, quando guardiamo la televisione o quando seguiamo norme socioculturali interiorizzate (relazione tra il nostro comportamento e la società in cui viviamo). Ciò costituisce l'argomento principale della psicologia sociale, quindi i nostri gesti, pensieri, i nostri sentimenti, i comportamenti sono strettamente in correlazione con la società, con gli altri.

Possiamo, perciò, definire la psicologia sociale come: lo studio scientifico dei modi attraverso cui i pensieri, i sentimenti ed i comportamenti delle persone vengono influenzati dalla presenza reale o immaginaria degli altri .

Influenza sociale non significa solo i tentativi diretti di persuasione, in cui una persona cerca di modificare il comportamento di un'altra, questo in genere avviene con la pubblicità, oppure quando un amico tenta di convincerci a fare azioni che non vogliamo compiere, o quando il bullo della scuola intimorisce i compagni più deboli. 

Dal punto di vista della psicologia sociale anche quando siamo soli siamo influenzati: in un certo senso, è come se ci portassimo dentro i nostri genitori, i nostri amici e gli insegnanti, ogni volta che cerchiamo di prendere decisioni che li dovrebbero rendere orgogliosi di noi.